Venerdi, Giugno 23, 2017 /
ItalianoEnglish
Notizie Giornata della Cultura Ebraica - Un successo a Venezia
13Set2009

Giornata della Cultura Ebraica - Un successo a Venezia

In una sala Montefiore gremita di persone è stata inaugurata la decima edizione della Giornata Europea della Cultura Ebraica. Il presidente della Comunità ebraica di Venezia, Vittorio Levis alla presenza del Prefetto Lepri Gallerano, del questore Della Rocca, del presidente di Codess Cultura Adriano Rizzi e del rabbino capo di Venezia rav Elia Richetti, ha inaugurato la giornata ponendo l’attenzione sui temi che negli anni si sono succeduti, due anni fa “sentieri e parole” lo scorso anno “Musica e parole”. 

A suo dire tutte queste tematiche sono dei semplici suggerimenti per percorsi di conoscenza attraverso storia e cultura: “l’ebraismo non è solo una religione, ma è contemporaneamente anche storia, tradizioni, riti, letteratura, musica, tragedie infinite, ma insieme volontà e capacità di rinascita, fedeltà ai propri valori e capacità di confrontarsi con il mondo esterno”. Presenti all'inaugurazione della giornata anche l’assessore comunale al piano strategico e pianificazione territoriale Laura Fincato e l’assessore provinciale alla cultura Raffaele Speranzon. Tra le varie iniziative della giornata, presso il Kosher club “Le Balthazar” in Campo di Ghetto sono state allestite delle tavole imbandite delle principali festività ebraiche, con una guida alle tradizioni e alla degustazione di pietanze tipiche della cucina ebraica. È stata poi introdotta dall’architetto Veronica Balutto e dal professore Franco Batacchi, la mostra del maestro Celiberti, pittore e scultore, intitolata “Esilio e anima”. Le opere del maestro risentono in maniera significativa e sofferta dei sentimenti provati in occasione della sua visita al campo di Terezin, vicino a Praga, dove migliaia di bambini ebrei prima di essere trucidati avevano lasciato testimonianze sotto forma di disegni. Da quella esperienza realizza il ciclo che lo rende noto al grande pubblico: quello dei “Lager” costituito da tele preziose per impasti e cromie, nelle quali inserisce i segni innocenti lasciati sui muri del campo di concentramento di Terezin. La Giornata si è conclusa con lo spettacolo “Fumo e profumo”, lettura di prose e poesie di Laura Luzzatto Voghera e musiche klezmer del complesso Barbapedana alla presenza dell’ assessore comunale al patrimonio Mara Rumiz. Tirando le somme si parla di 3.077 visitatori del ghetto che hanno seguito le visite al museo e alle sinagoghe e che hanno continuato poi il loro "tour" seguendo le altre iniziative organizzate per la giornata. Da rilevare l’alto numero di partecipanti, (secondo le stime dai 180 ai 200) tra cui l’assessore comunale alla produzione culturale Luana Zanella, per la visite guidate del Cimitero antico del Lido, a cura del Comandante Aldo Izzo.

Michael Calimani

Scritto da Redazione, Pubblicato in Notizie

Questo sito utilizza cookie in linea con le tue preferenze. Cliccando sul bottone "Accetta" acconsentirai all'uso dei cookies. Per avere maggiori informazioni sui Cookies e su come eventualmente cancellarli visitare la nostra privacy policy.

Accetto i Cookies da questo sito

EU Cookie Directive Module Information