Venerdi, Marzo 24, 2017 /
ItalianoEnglish
Notizie Museo Ebraico apre contro la violenza: la cultura non si ferma
30Mag2014

Museo Ebraico apre contro la violenza: la cultura non si ferma

Porte aperte ieri in serata al Museo Ebraico di Venezia che ha deciso di offrire l’accesso gratuito come segno di solidarietà con la comunità ebraica del Belgio. In apertura Rav Avraham Dayan, vicerabbino di Venezia, dopo aver recitato alcuni salmi e il Kaddish, ha proceduto ad accendere una candela per commemorare le vittime dell’attentato di Bruxelles.

Il Consiglio della Comunità, presente all’apertura straordinaria, affiancato da Coopculture da anni impegnata nella gestione del museo, ha voluto così testimoniare, nel luogo di conservazione e diffusione della storia, della identità e della cultura ebraica, la profonda solidarietà alle vittime del crimine perpetrato e il suo impegno alla costruzione di un futuro in cui libertà, giustizia e pace siano effettivamente valori condivisi non più gravemente minacciati da attentati come quello occorso a Bruxelles: “È di particolare conforto – ha detto il presidente della Comunità Ebraica di Venezia, Paolo Gnignati – vedere che questa apertura ha trovato un’immediata risposta nelle autorità che rappresentano lo Stato, la Regione, il Comune, la Provincia. Siamo grati a tutti di essere qui e di portare il saluto delle diverse collettività a cui noi sentiamo di appartenere. Morire perché ebrei oggi è una ferita che la società non può tollerare. E’ un male che speravamo fosse superato, ma i cui germi sono ancora fra noi. Durante la mia visita a Vienna per l’inaugurazione della mostra sugli argenti della Comunità Ebraica di Venezia ho trovato particolare conforto nel riscontrare che gli oggetti liturgici ebraici possano essere esposti in un luogo dove in passato sarebbero stati distrutti. La stessa città da cui fuggì Karl Popper, filosofo ebreo che professava l’ingegneria sociale, il miglioramento della società giorno per giorno. Come afferma un noto detto ebraico “Noi non siamo tenuti a compiere l’opera, ma non possiamo sottrarci”.

Scritto da Redazione, Pubblicato in Notizie

Questo sito utilizza cookie in linea con le tue preferenze. Cliccando sul bottone "Accetta" acconsentirai all'uso dei cookies. Per avere maggiori informazioni sui Cookies e su come eventualmente cancellarli visitare la nostra privacy policy.

Accetto i Cookies da questo sito

EU Cookie Directive Module Information