Lunedi, Mag 29, 2017 /
ItalianoEnglish

Accoglienza Kosher

Kosher House Giardino dei Melograni

Museo Ebraico

Museo Ebraico

Info Point

Info Point
Tag: Ghetto di Venezia
05Dic2012

Luzzatto lascia, il Consiglio al rinnovo

Il Consiglio della Comunità ebraica di Venezia riunitosi ieri ha preso atto delle dimissioni del presidente Amos Luzzatto e, constatata l’impossibilità di proseguire il mandato, pur riconoscendo la giustificazione delle sue dimissioni, ha invitato il presidente a congelarle fino a nuove elezioni. Il Consiglio ha deliberato pertanto lo scioglimento anticipato dello stesso e la convocazione di nuove elezioni, nel rispetto di quanto indicato dallo Statuto dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, entro il 3 marzo 2013. Nel periodo di transizione i due vicepresidenti condurranno l’attività amministrativa della Comunità firmando i documenti di loro competenza e sottoponendo alla firma del presidente uscente i documenti e le pratiche che lo richiedono. Le altre procedure elettorali previste dallo Statuto e dal regolamento interno della Comunità ebraica verranno comunicate al più presto. Nella lettera inviata agli iscritti per spiegare le ragioni della sua decisione il presidente ha dichiarato di aver mantenuto, durante i due anni di mandato, i suoi impegni istituzionali nonostante l’età e lo stato di salute. Gli risulta però impossibile ad oggi continuare come prima a svolgere le sue funzioni in Comunità. Amos Luzzatto ha inoltre dichiarato che rimarrà comunque a disposizione per eventuali contributi culturali.

Michael Calimani

Scritto da Redazione, Pubblicato in Notizie

Tags: Amos Luzzatto Comunità Ebraica consiglio Ghetto di Venezia Jewish Community Venezia

19Nov2012

Comunicato stampa - Amos Luzzatto: atti vandalici alla sinagoga di Parma

Trasmettiamo una nota del presidente Amos Luzzatto relativa al recente atto vandalico alla sinagoga di Parma:

"Abbiamo letto e concordiamo il comunicato del presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane in merito al tristissimo fatto di Parma. Reagiamo disgustati e preoccupati per l'oltraggio alla sinagoga parmense. Si tratta di un fenomeno antico e mai scomparso, che noi chiamiamo genericamente razzismo e più precisamente antisemitismo.

Le sue caratteristiche sono individuabili nell'identificare un gruppo umano, esposto per la sua debolezza e renderlo collettivamente responsabile di possibili crimini e misfatti. La ricerca delle responsabilità per episodi sui quali l'opinione generale e l'emotività, richiederebbero una adeguata punizione viene risolta invece con superficialità.

Una società che voglia essere civile non può accettare e farsi soggiogare da tale cultura. Siamo in presenza di una conflittualità pericolosa, ma non soltanto nel Medioriente; le responsabilità sono spesso multilaterali; se ci limitiamo al conflitto arabo-israeliano non possiamo scordare il suo inizio, deve essere fatto arretrare almeno alla votazione del 1947 all'Onu che stabiliva la spartizione della "Palestina" in due stati.

Alcuni membri dell'Onu, ostili a quella decisione, impugnarono le armi per contestarla con un'iniziativa indubbiamente molto grave, dando fuoco alla prima di queste guerre tra Israele e i suoi vicini. Il seguito è una catena di conseguenze.

Quello che è sicuro è che l'incapacità di indagare fino a una conclusione accettabile non può giustificare l'invenzione di un capro espiatorio; se nello stesso parlamento israeliano liberamente scelto esistono pareri differenti, ricercare la responsabilità di atti violenti in piccole Comunità della diaspora ebraica che - non dimentichiamolo - sono i resti di una reale, bestiale e grave persecuzione, è totalmente assurdo."

Amos Luzzatto, presidente della Comunità Ebraica di Venezia

Venezia, 19 novembre 2012 / mc

Scritto da Redazione, Pubblicato in Notizie

Tags: Amos Luzzatto atto vandalico Comunità Ebraica Ghetto di Venezia Jewish Community liberazione Venezia

03Set2012

Inaugurata a Venezia la XIII Giornata Europea della Cultura Ebraica, presenti i ministri Cancellieri e Profumo

“L’umorismo è servito per smascherare le falsità e le ipocrisie dei dittatori e dei tiranni, quando attraverso discorsi retorici, enfatici e ridicoli hanno tentato di diffondere mendaci ideologie e paure finalizzate solo a dominare, sottomettere e sfruttare i loro stessi popoli.”

Lo ha detto ieri mattina a Venezia Renzo Gattegna, Presidente dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, all’inaugurazione della tredicesima Giornata Europea della Cultura Ebraica, il cui tema che unisce gli eventi dei ventotto Paesi europei e delle oltre sessanta località italiane che aderiscono alla manifestazione è “L’umorismo ebraico”.

In una sala gremita di pubblico e autorità civili, militari e religiose, alla presenza dei Ministri Anna Maria Cancellieri e Francesco Profumo, che hanno anche potuto visitare le sinagoghe e il museo ebraico, ha preso poi la parola Amos Luzzatto, Presidente della Comunità Ebraica di Venezia, che ha voluto dedicare un ricordo al Cardinale Carlo Maria Martini:

“Era un uomo del dialogo, curioso di ascoltare chiunque avesse delle idee da comunicare. Martini non aveva preclusioni, né barriere o paura, quando si trattava di dialogare con il suo prossimo.”

“Le culture veneziana ed ebraica sono fittamente intrecciate”, ha detto il Sindaco di Venezia Orsoni. “E forse, la tendenza dei veneziani all’autoironia è un ‘debito’ contratto proprio con la cultura ebraica, maestra del saper ridere anche di se stessi.”

“Fare cultura significa innovare, generando nuova vita”, ha detto il Ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca Profumo. “E in questa occasione voglio ricordare che l'italia è uno dei Paesi che maggiormente collabora con il mondo ebraico, non solo per le iniziative sulla Memoria, ma nelle iniziative culturali ebraiche in generale. E innovazione significa anche riuscire finalmente a diffondere il senso di una cittadinanza finalmente responsabile e consapevole dei propri diritti e doveri, nel destino comune di tutti noi italiani. E sarà ancora meglio se riusciremo a farlo con un sorriso.”

A concludere il ciclo di interventi, poco prima della prolusione sull’umorismo ebraico del Prof. Dario Calimani, Docente all’Università Ca’ Foscari di Venezia – che ha interessato e divertito il numeroso pubblico - il Ministro dell’Interno Anna Maria Cancellieri.

“E’ fondamentale che la cultura ebraica sia conosciuta e che ci sia un dialogo costante”, ha detto la Cancellieri. “Ci sono in Europa dei rigurgiti antisemiti, che compaiono anche sul web, solo la cultura riuscirà a illuminare il mondo, per far sparire questi vergognosi episodi.”

Info e contatti:
Marco Di Porto – UCEI - Ufficio stampa Giornata
06 45542200 – 06 45542291 – 334 6044802 - Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Michael Calimani - Ufficio stampa iniziative a Venezia
340 4675017 – Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Scritto da Redazione, Pubblicato in Notizie

Tags: Amos Luzzatto Cancellieri Comunità Ebraica Dario Calimani Ghetto di Venezia Giorgio Orsoni Giornata della cultura ebraica Jewish Community Ministro Interno ministro istruzione Profumo Renzo Gattegna Venezia

29Ago2012

il ministro dell'Interno Cancellieri e il ministro dell'Istruzione Profumo a Venezia per la Gece

Saranno il ministro dell'Interno Annamaria Cancellieri, il ministro dell'Istruzione Francesco Profumo, il Presidente dell'Ucei Renzo Gattegna e il presidente della Comunità Ebraica di Venezia Amos Luzzatto a inaugurare domenica prossima a Venezia, città capofila per l'Italia, la tredicesima Giornata Europea della Cultura Ebraica.

Dopo i saluti delle autorità seguirà la prolusione del Prof. Dario Calimani dal titolo "Lo humor ebraico, rido ergo sum", che introdurrà ufficialmente la giornata.

La manifestazione, a cui aderiscono ventotto Paesi europei e sessantaquattro località nel nostro Paese, "apre le porte" dei luoghi ebraici invitando il pubblico – ogni anno oltre 50mila visitatori solo in Italia – alla conoscenza di ebrei ed ebraismo, in una giornata che coniuga svago e divertimento alla voglia di scoprire un "mondo" verso cui esiste una grande curiosità.

Quest'anno si parte simbolicamente da Venezia, dove risiede un'antica Comunità ebraica, per una edizione che ha come "fil rouge" a unire tutte le località e i Paesi partecipanti, un tema originale e del tutto inedito: "L'umorismo ebraico".

Scritto da Redazione, Pubblicato in Notizie

Tags: Amos Luzzatto Cancellieri Comunità Ebraica Dario Calimani Ghetto di Venezia Giorgio Orsoni Giornata della cultura ebraica Jewish Community Ministro Interno ministro istruzione Profumo Renzo Gattegna Venezia

26Lug2012

Monaco 1972: per non dimenticare

Dopo il minuto di raccoglimento negato dal Comitato Olimpico Internazionale in ricordo delle vittime israeliane alle Olimpiadi di Monaco, 40 anni fa, le Comunità ebraiche del mondo si mobilitano: con l'attivo supporto del Rabbino Jonathan Sacks, che ha scritto una speciale preghiera per questo momento globale di raccoglimento e con il Rabbino Warren Goldstein, Capo Rabbino del Sudafrica, si è deciso di commemorare le vittime del massacro di Monaco.

Nel 1972 un commando di terroristi dell'organizzazione palestinese Settembre Nero fece irruzione negli alloggi israeliani del villaggio olimpico, uccidendo subito due atleti che avevano tentato di opporre resistenza e prendendo in ostaggio altri nove membri della squadra olimpica di Israele. Alla fine un tentativo di liberazione compiuto dalla polizia tedesca portò alla morte di tutti gli atleti sequestrati, di cinque fedayn e di un poliziotto tedesco.

Anche Venezia aderisce all’iniziativa. La commemorazione si svolgerà durante la funzione di Shabbat.

Scritto da Redazione, Pubblicato in Notizie

Tags: 1972 Comunità Ebraica Ghetto di Venezia Jewish Community Jonathan Sacks massacro Monaco Munich Venezia

19Lug2012

Conferenza stampa GECE, presentato il programma della giornata a Venezia

Questa mattina, nei locali della Comunità Ebraica di Venezia, è stata presentata la Giornata Europea della Cultura Ebraica, che si svolgerà domenica 2 settembre in 64 località italiane e 28 Paesi europei, e che proprio nel capoluogo Veneto avrà il suo epicentro. La manifestazione, coordinata in Italia dall’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, è giunta alla tredicesima edizione. Il tema di quest’anno è “L’umorismo ebraico”.

“L’Italia è il Paese europeo in cui l’iniziativa ha la migliore riuscita: su duecentomila visitatori complessivi, solo nel nostro Paese intervengono circa 50mila persone”, ha detto Roberto Jarach, vicepresidente dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane. “Di anno in anno i numeri della manifestazione, giunta alla tredicesima edizione, crescono, così come le località che aderiscono, che quest’anno sono sessantaquattro. Una manifestazione che va nella direzione del dialogo, della condivisione, dell’amicizia tra culture.”

L’ampio programma che avrà luogo a Venezia, nell’antico e suggestivo Ghetto ebraico risalente al 1516, comprenderà spettacoli teatrali, concerti, retrospettive cinematografiche, conferenze e visite guidate al patrimonio architettonico, culturale e monumentale ebraico veneziano.

Il Presidente della Comunità Ebraica di Venezia, Amos Luzzatto, cogliendo l’occasione per ricordare, con un minuto di silenzio, l’attentato avvenuto ieri in Bulgaria, ha dichiarato:

“Alla luce del terribile attentato in Bulgaria, ritengo sia necessario essere quotidianamente vigili, continuando però, per quanto possibile normalmente, la nostra vita associazionistica e culturale. C’è una apparente contraddizione – ha proseguito Luzzatto - tra la realtà che viviamo, tutt’altro che facile, e l’umorismo ebraico, che quest’anno è il filo conduttore degli eventi della manifestazione. La contraddizione però è solo apparente: noi infatti dobbiamo continuare a vivere la realtà come se i pericoli non ci fossero, vigilando consapevolmente.”

Alla conferenza stampa sono intervenuti anche Adriano Rizzi, Diretto Area centro nord di CoopCulture, la Cooperativa che gestisce eventi in diverse città, Paolo Navarro del Gazzettino, l’Assessore comunale al piano strategico Pier Francesco Ghetti in rappresentanza del Sindaco di Venezia. “La Giornata del 2 settembre sarà una grande occasione per comprendere i contenuti profondi della tradizione culturale ebraica”, ha detto Ghetti. “Ci apprestiamo, nel 2016, a celebrare i 500 anni dall’istituzione del Ghetto: sarà una ulteriore occasione di incontro, confronto, riflessione.”

In Italia la Giornata Europea della Cultura Ebraica gode dell’Alto Patronato del Presidente della Repubblica ed è patrocinata dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, dal Ministro per le Politiche Europee, dall’ANCI – Associazione Nazionale Comuni Italiani. La manifestazione è inoltre riconosciuta dal Consiglio d’Europa.

Il programma completo è sul sito: www.ucei.it/giornatadellacultura Le iniziative dei ventotto Paesi europei sono consultabili su: www.jewisheritage.org

Per il programma di venezia clickare QUI

Info e contatti:

Ufficio stampa Giornata:

Marco Di Porto – Cell. 334 6044802 - Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Addetto stampa Comunità Ebraica di Venezia:

Michael Calimani – 340 4675017 – Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Scritto da Redazione, Pubblicato in Notizie

Tags: Amos Luzzatto Comunità Ebraica Ghetto di Venezia Giorgio Orsoni Giornata della cultura ebraica Jewish Community Roberto Jarach Venezia

16Lug2012

Giovedì conferenza stampa della Giornata Europea della Cultura Ebraica, Venezia capofila

Giovedì 19 luglio, alle ore 11, nella sala montefiore della Comunità Ebraica di Venezia, Cannaregio 1189, si terrà la conferenza stampa di presentazione della tredicesima Giornata Europea della Cultura Ebraica, Venezia capofila, che si svolgerà il 2 settembre in ventotto Paesi europei e in più di sessanta località italiane.

Il tema di quest'anno sarà l'umorismo declinato in chiave ebraica, una caratteristica, quella di saper ridere e far ridere, che sembra essere piuttosto spiccata nella cultura del "Popolo del Libro" sia nei momenti positivi come in quelli più bui.

Interverranno il sindaco di Venezia, Giorgio Orsoni, il vicepresidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, Roberto Jarach, il presidente della Comunità Ebraica di Venezia, Amos Luzzatto, il direttore area Centro-Nord CoopCulture, Adriano Rizzi.

SCARICA IL DOCUMENTO DI PRESENTAZIONE

Scritto da Redazione, Pubblicato in Notizie

Tags: Amos Luzzatto Comunità Ebraica Ghetto di Venezia Giorgio Orsoni Giornata della cultura ebraica Jewish Community Roberto Jarach Venezia

24Apr2012

Comunicato stampa - Amos Luzzatto: 25 aprile e celebrazioni della liberazione

Anticipiamo una nota del presidente Luzzatto in previsione delle celebrazioni per il 25 aprile, festa della liberazione, che culmineranno con la commemorazione ufficiale al monumento in ricordo della Shoah in Campo del Ghetto Nuovo.

"Esistono due modi per celebrare il 25 aprile: un modo strettamente commemorativo e un modo più propriamente politico. Il modo strettamente commemorativo consiste nel riportare noi stessi e il pubblico che ci ascolta all'atmosfera del 1945: la fine della guerra, la caduta definitiva del fascismo e del nazismo che stavano dominando l'Europa, la scoperta degli enormi sacrifici subiti dalle popolazioni civili e in modo particolare il dramma della Shoah; quest'ultima presenta ancora degli aspetti per così dire sperimentali che non sono sufficientemente chiariti.

Scritto da Redazione, Pubblicato in Notizie

Tags: 25 aprile Amos Luzzatto Comunità Ebraica Ghetto di Venezia Jewish Community liberazione strage di Tolosa Venezia

04Dic2011

Commemorazione dei deportati: una domenica per ricordare

Sono trascorsi ormai 68 anni da quando pubblicamente un quarto della popolazione ebraica veneziana fu deportata e non fece ritorno. Oggi si è svolta la consueta commemorazione alla presenza della comunità e dei membri del consiglio.

La preghiera al tempio Levantino, la recitazione dell’“Ani Ma’amin” e i sei lumi posti sul memoriale dell’olocausto in campo di Ghetto Nuovo in ricordo di altrettanti milioni di ebrei deportati e sterminati nei campi di concentramento, vittime di una barbarie inaudita.

Scritto da Redazione, Pubblicato in Notizie

Tags: Amos Luzzatto Comunità Ebraica Ghetto di Venezia Ghetto of Venice Holocaust Jewish Community Olocausto Venezia Venice

09Nov2011

La famosa critica e scrittrice di cucina Joan Nathan visita la Comunità

Soprannominata la decana della cucina ebraico-americana, Joan Nathan è l'autrice di nove libri, tra questi Jewish Cooking in America e Foods of Israel Today. Il libro Jewish Cooking in America ha vinto sia il James Beard award sia l'IACP/Julia Child Cookbook of the Year Award nel 1994.

La trasmissione televisiva sulla PBS intitolata Jewish Cooking in america with Joan Nathan, è stata insignita nel 2000 del premio James Beard come miglior show televisivo di cucina.

Joan Nathan è stata anche produttore di Passover: Traditions of Freedomi libertà, un pluripremiato documentario sponsorizzato alla dalla Maryland Public Television. Laureata all'università del Michigan, ha ottenuto poi un ulteriore master alla Kennedy School of Governement e una laurea Honoris causa al Spertus Institute.

Scritto da Redazione, Pubblicato in Notizie

Tags: Comunità Ebraica Ghetto di Venezia Ghetto of Venice Jewish Community Jewish cuisine Joan Nathan Kosher Venice Venezia Venice

Questo sito utilizza cookie in linea con le tue preferenze. Cliccando sul bottone "Accetta" acconsentirai all'uso dei cookies. Per avere maggiori informazioni sui Cookies e su come eventualmente cancellarli visitare la nostra privacy policy.

Accetto i Cookies da questo sito

EU Cookie Directive Module Information