Martedi, Gennaio 24, 2017 /
ItalianoEnglish

Accoglienza Kosher

Kosher House Giardino dei Melograni

Museo Ebraico

Museo Ebraico

Info Point

Info Point
Tag: Jewish Community
10Gen2013

Riccardo Calimani: "Storia del ghetto di Venezia dalle origini ai nostri giorni"

"Gli ebrei non sono più intelligenti degli altri, ma di sicuro sono più inquieti. La precarietà assoluta, giorno per giorno, le espulsioni e la necessità di forgiare un'identità che si contrapponga all'identità cristiana dominante ha generato nel tempo una grande ansia, che qualche volta ha prodotto effetti positivi". Questo uno degli spunti proposti durante la lezione di Riccardo Calimani, dedicata alla storia del ghetto di Venezia dalle origini ai nostri giorni, tema che lo scrittore ha affrontato in diversi libri pubblicati negli anni, a partire dal primo del 1985: "Storia del Ghetto di Venezia".

Scritto da Redazione, Pubblicato in Notizie

Tags: Comunità Ebraica ebrei Ghetto di Venezia Jewish Community Riccardo Calimani Venezia

09Gen2013

Conferenza - Riccardo Calimani: Storia del ghetto di Venezia dalle origini ai nostri giorni

La sezione veneziana dell’Adei Wizo , in collaborazione con la Comunità Ebraica di Venezia e il Museo Ebraico, è lieta di invitarvi al secondo appuntamento su

“LA PRESENZA EBRAICA A VENEZIA”

Sala Montefiore Mercoledì 9 gennaio 2013 ore 17,30

RICCARDO CALIMANI

Storia del ghetto di Venezia dalle origini ai nostri giorni

Scritto da Redazione, Pubblicato in Notizie

Tags: Comunità Ebraica ebrei Ghetto di Venezia Jewish Community Riccardo Calimani Venezia

05Dic2012

Luzzatto lascia, il Consiglio al rinnovo

Il Consiglio della Comunità ebraica di Venezia riunitosi ieri ha preso atto delle dimissioni del presidente Amos Luzzatto e, constatata l’impossibilità di proseguire il mandato, pur riconoscendo la giustificazione delle sue dimissioni, ha invitato il presidente a congelarle fino a nuove elezioni. Il Consiglio ha deliberato pertanto lo scioglimento anticipato dello stesso e la convocazione di nuove elezioni, nel rispetto di quanto indicato dallo Statuto dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, entro il 3 marzo 2013. Nel periodo di transizione i due vicepresidenti condurranno l’attività amministrativa della Comunità firmando i documenti di loro competenza e sottoponendo alla firma del presidente uscente i documenti e le pratiche che lo richiedono. Le altre procedure elettorali previste dallo Statuto e dal regolamento interno della Comunità ebraica verranno comunicate al più presto. Nella lettera inviata agli iscritti per spiegare le ragioni della sua decisione il presidente ha dichiarato di aver mantenuto, durante i due anni di mandato, i suoi impegni istituzionali nonostante l’età e lo stato di salute. Gli risulta però impossibile ad oggi continuare come prima a svolgere le sue funzioni in Comunità. Amos Luzzatto ha inoltre dichiarato che rimarrà comunque a disposizione per eventuali contributi culturali.

Michael Calimani

Scritto da Redazione, Pubblicato in Notizie

Tags: Amos Luzzatto Comunità Ebraica consiglio Ghetto di Venezia Jewish Community Venezia

20Nov2012

37esima Giornata di Studio: recitare il senso

Si è svolta domenica la consueta Giornata di studio della Comunità Ebraica di Venezia, giunta alla sua trentasettesima edizione, un evento che ogni anno riunisce nelle sale della Comunità studiosi e semplici curiosi interessati a conoscere più a fondo le molteplici sfaccettature della cultura ebraica. Tema filo conduttore di quest’anno è stato il “recitare il senso”.

Scritto da Redazione, Pubblicato in Notizie

Tags: Amos Luzzatto Comunità Ebraica Dan Rapoport Gianni de Luigi Giornata di Studio Jewish Community Jewish studies Miriam Camerini recitare il senso Venezia Venice Walter Le Moli

19Nov2012

Comunicato stampa - Amos Luzzatto: atti vandalici alla sinagoga di Parma

Trasmettiamo una nota del presidente Amos Luzzatto relativa al recente atto vandalico alla sinagoga di Parma:

"Abbiamo letto e concordiamo il comunicato del presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane in merito al tristissimo fatto di Parma. Reagiamo disgustati e preoccupati per l'oltraggio alla sinagoga parmense. Si tratta di un fenomeno antico e mai scomparso, che noi chiamiamo genericamente razzismo e più precisamente antisemitismo.

Le sue caratteristiche sono individuabili nell'identificare un gruppo umano, esposto per la sua debolezza e renderlo collettivamente responsabile di possibili crimini e misfatti. La ricerca delle responsabilità per episodi sui quali l'opinione generale e l'emotività, richiederebbero una adeguata punizione viene risolta invece con superficialità.

Una società che voglia essere civile non può accettare e farsi soggiogare da tale cultura. Siamo in presenza di una conflittualità pericolosa, ma non soltanto nel Medioriente; le responsabilità sono spesso multilaterali; se ci limitiamo al conflitto arabo-israeliano non possiamo scordare il suo inizio, deve essere fatto arretrare almeno alla votazione del 1947 all'Onu che stabiliva la spartizione della "Palestina" in due stati.

Alcuni membri dell'Onu, ostili a quella decisione, impugnarono le armi per contestarla con un'iniziativa indubbiamente molto grave, dando fuoco alla prima di queste guerre tra Israele e i suoi vicini. Il seguito è una catena di conseguenze.

Quello che è sicuro è che l'incapacità di indagare fino a una conclusione accettabile non può giustificare l'invenzione di un capro espiatorio; se nello stesso parlamento israeliano liberamente scelto esistono pareri differenti, ricercare la responsabilità di atti violenti in piccole Comunità della diaspora ebraica che - non dimentichiamolo - sono i resti di una reale, bestiale e grave persecuzione, è totalmente assurdo."

Amos Luzzatto, presidente della Comunità Ebraica di Venezia

Venezia, 19 novembre 2012 / mc

Scritto da Redazione, Pubblicato in Notizie

Tags: Amos Luzzatto atto vandalico Comunità Ebraica Ghetto di Venezia Jewish Community liberazione Venezia

14Nov2012

"La sposa promessa" al cinema Giorgione

Vi segnaliamo al cinema Giorgione sala A: Da giovedì 15 a mercoledì 21 (escluso martedì 20) h. 17.30/19.30/21.30 Domenica h. 15.30/17.30/19.30/21.30 Mercoledì 21 solo h. 17.30/19.30

LA SPOSA PROMESSA di Rama Burshtein, con Hadas Yaron, Yiftach Klein, Israele, 2012, 90’ Ascoltare le ragioni del cuore o accettare la volontà della famiglia? Nella comunità ebraica ortodossa di Tel Aviv, la giovane Shira è chiamata ad una difficile scelta.

Rivelazione alla Mostra di Venezia, Coppa Volpi per la miglior attrice.

Scritto da Redazione, Pubblicato in Notizie

Tags: cinema Giorgione Comunità Ebraica Jewish Community sposa promessa Venezia

12Nov2012

Qui Venezia – Adei, 85 anni di impegno

Non soltanto il Premio letterario ad animare il calendario dell’Associazione donne ebree d’Italia nel mese di novembre: oggi a Venezia, si festeggiano infatti gli 85 anni di attività sociale. Un appuntamento celebrato con una tavola rotonda, alle 16.30 nella Sala Montefiore della Comunità lagunare, dal titolo La nascita dell’Adei nell’ambito dell’associazionismo femminile dei primi del ‘900. A introdurre l’incontro, che verrà coordinato dallo storico Gadi Luzzatto Voghera, la presidente nazionale Ester Silvana Israel e quelle della sezione veneziana Anna Campos e Manuela Fano, mentre interverranno la storica Monica Miniati, la ricercatrice Maria Teresa Sega, Laura Voghera, coordinatrice dell’Archivio-Biblioteca della Comunità di Venezia e Lia Tagliacozzo, curatrice della pubblicazione Le signore del thè delle cinque – I primi anni dell’Adei di Venezia tra tzedakà e cultura ebraica (1928-1946). “Quando noi, consigliere attuali della Sezione di Venezia dell’Adei Wizo Italia, abbiamo deciso di allestire una mostra di fotografie e documenti in occasione dell’85esimo dalla fondazione, abbiamo aperto lo scatolone nel quale Bruna Voghera aveva conservato con amore le carte di anni di lavoro – si legge nell’introduzione del libro – è emerso, tra vecchie foto, lettere, locandine e testi teatrali per le rappresentazioni di Purim, inviti a conferenze e a mercatini, un quaderno con la copertina nera, scritto fitto con scrittura accurata, che abbiamo aperto emozionate, ritrovando i verbali di tutte le riunioni di apertura e chiusura degli anni sociali dal 1928 al 1941. Tra le carte c’erano anche, preziose, le relazioni della presidente Amelia Fano dal 1928 al 1946. Dei verbali e delle relazioni ci ha subito colpito l’accuratezza e la completezza della forma, frutto di un’attenzione e una cura che poi, alla lettura, avremmo ritrovato nei contenuti delle iniziative che, con lo scopo di ‘venire in aiuto e di mantenere lo spirito d’ebraicità alla maternità e all’infanzia…’, hanno fornito a molte donne che non ne avrebbero altrimenti avuto l’occasione la possibilità di ritrovarsi, di affinare insieme le proprie abilità e capacità creative e la propria cultura ebraica, e nello stesso tempo hanno dato un prezioso contributo alla vita della Comunità, sul piano assistenziale e culturale”.

Fonte: Moked.it

Scritto da Redazione, Pubblicato in Notizie

Tags: Amos Luzzatto Comunità Ebraica Gazzettino Jewish Community moschea Venezia

24Ott2012

In ricordo di Stella Silva: 25 ottobre 1927 - 23 ottobre 2012

Ieri sera Stella Silva ci ha lasciato. Stella è stata un pilastro della nostra Comunità e dell’Adei di Venezia. Una persona che nei suoi lunghi anni è riuscita a trasmettere, col suo fare allegro e la sua gioia di vivere, le nostre tradizioni culinarie e non solo. Questo video risale a pochi mesi fa quando ci aveva concesso una piccola intervista su alcune ricette della nostra tradizione.

Ci mancheranno le sue battute, i suoi dolci, ma soprattutto ci mancherà lei.

Scritto da Redazione, Pubblicato in Notizie

Tags: Comunità Ebraica Jewish Community Ricordo Stella Silva Venezia Venice

07Set2012

I video dell'Inaugurazione della 13a Gece: i saluti delle autorità e la prolusione del Prof. Dario Calimani

Pubblichiamo i video dell'inaugurazione della 13a Giornata Europea della Cultura Ebraica e della prolusione, a introduzione della giornata, del Prof. Dario Calimani, docente di Ca'Foscari dal titolo "Lo humor ebraico: rido ergo sum".  Per tutti gli altri video visitate il nostro canale youtube all'indirizzo: www.youtube.com/user/ComEbraicaVenezia

Inaugurazione della Giornata
Prolusione del Prof. Dario Calimani:
"Lo humor ebraico: rido ergo sum"

Pubblicato in Notizie

Tags: capodanno ebraico Comunità Ebraica Jewish Community Rav Gili Benyamin Rosh Hashanà Venezia Venice

06Set2012

Rosh hashanà si avvicina: Gli auguri del presidente Luzzatto e del Rabbino Capo Rav Benyamin

Il 16 settembre sarà la vigilia del capodanno ebraico, Rosh Hashanà, un anno difficile che finisce e un altro anno che presenta già alcune problematiche all'orizzonte:

"L'anno che termina e l'anno nuovo - ha scritto Amos Luzzatto, presidente della Comunità Ebraica di Venezia - si presentano come tempi agitati e spesso minacciosi, nei quali spinte generose di rinnovamento si alternano con violenze, spargimenti di sangue, incertezze per l'avvenire.

Auguro a tutti gli ebrei veneziani e italiani di ritrovare nelle proprie tradizioni quella compattezza e quella fraternità che hanno permesso alle generazioni che ci hanno preceduto di superare e sopravvivere a prove ben più serie. Auguro un anno di maggior serenità, per le nostre Comunità, per Israele e i nostri amici e parenti che lì risiedono, un anno di impegni e soddisfazioni culturali, soprattutto un anno pacifico e di promozione di pace".

Nei midrashim si racconta di Dio che si siede sul trono, di fronte a lui i libri che raccolgono la storia dell'umanità (non solo del popolo ebraico). Ogni singola persona viene presa in esame per decidere se meriti il perdono o meno.

La decisione, però, verrà ratificata solo in occasione di Yom Kippur. È per questo che i 10 giorni che separano queste due festività sono chiamate i 10 giorni penitenziali. In questi 10 giorni è dovere di ogni ebreo compiere un'analisi del proprio anno ed individuare tutte le trasgressioni compiute nei confronti dei precetti ebraici. Ma l'uomo è rispettoso anche verso il proprio prossimo. Ancora più importante, allora, è l'analisi dei torti che si sono fatti nei confronti dei propri conoscenti. Una volta riconosciuto con se stessi di aver agito in maniera scorretta, occorre chiedere il perdono del danneggiato.

"La Torà - spiega Rav Gili Benyamin, rabbino capo di Venezia - chiama Rosh Hashana ''il giorno del suono dello shofar''. Nel passato avevano l'abitudine di incoronare dei re attraverso il suono dello shofar. Così anche il senso di Rosh Hashanà è far regnare Hashem per mezzo dello shofar,come afferma il versetto: <<con trombe e con lo shofar, lodiamo e applaudiamo davanti al Signore>>. Lo stesso messaggio è contenuto anche nella Tefillà: una richiesta che il nome di Hashem ,sia santificato, sia glorificato e che il regno divino sia riconosciuto nel mondo. Durante Rosh Hashanà ,fu creato l'essere umano e fu fondato il mondo. Questo è un giorno di riflessione mondiale, in cui ci rendiamo conto che la vita ha un senso, che il mondo ha un obbiettivo, ha uno scopo e questo esame di coscienza ci serve per capire se siamo nella giusta direzione e se capiamo qual'è il nostro ruolo nel mondo".

Pubblicato in Notizie

Tags: capodanno ebraico Comunità Ebraica Jewish Community Rav Gili Benyamin Rosh Hashanà Venezia Venice

Questo sito utilizza cookie in linea con le tue preferenze. Cliccando sul bottone "Accetta" acconsentirai all'uso dei cookies. Per avere maggiori informazioni sui Cookies e su come eventualmente cancellarli visitare la nostra privacy policy.

Accetto i Cookies da questo sito

EU Cookie Directive Module Information